AGROCULTURAS: contadini colombiani e italiani in scambio di saperi

Pubblicato il: 21 settembre 2016 alle 8:33 am

slide_2014agricoltura

di Chiara Beatrice Ghini

Cosa hanno in comune contadine e contadini di Nariño, la più al sud delle regioni colombiane, indigeni e indigene Nasa delle montagne del Cauca, un po’ più a nord, e contadini delle valli e montagne piemontesi? Forse l’attaccamento e l’amore per la propria terra, la determinazione a difendere bellezza e ricchezza del loro territorio, la capacità di costruire, con piccoli ma quotidiani gesti, una società dove gli uomini possano vivere in armonia tra loro e con la natura.

Durante il mio anno di servizio civile in Colombia ho avuto la fortuna di conoscere due realtà, la Asociación para el Desarrollo Campesino- ADC, e il Centro de Educación, Capacitación e Investigación para el Desarrollo Integral de la Comunidad – CECIDIC che da decenni lavorano per costruire spazi di autonomia per le comunità che rappresentano- contadine e indigene- a partire dalla sovranità alimentare. CISV lavora con entrambe da molti anni, tessendo una relazione- un “hermanamiento”– che va al di là dei singoli progetti di cooperazione.

Nel corso di quest’anno, per la prima volta, ADC e CECIDIC hanno avuto modo di incontrarsi e conoscersi, e hanno cominciato a immaginarsi un futuro di attività realizzate insieme. L’incontro ha permesso il riconoscimento di obiettivi comuni: entrambe le organizzazioni si impegnano affinché i contadini e le popolazioni indigene possano Vivere Bene nei propri territori, cioè in armonia con l’ambiente naturale, socio-economico, politico, culturale, tecnologico; un concetto molto lontano da quello di crescita economica. Per questo, entrambe lavorano per la costruzione della sovranitá alimentare, con un approccio agroecologico. La sovranitá alimentare é considerata infatti un pilastro indispensabile per valorizzare e rafforzare la cultura e i saperi tradizionali, per generare un’economia solidale, e quindi creare forme di gestione partecipativa del territorio, a partire dalla promozione di stili di vita e forme di convivenza alternativi alle dinamiche di accumulazione, esclusione e sfruttamento proprie del capitalismo. Perché questo sia possibile, ritengono fondamentale un approccio agroecologico: produrre con principi agroecologici significa aumentare l’autonomia degli agricoltori nel controllo del processo produttivo, il primo passo per avere un controllo reale del proprio territorio; significa avere continua disponibilitá e accesso a una diversitá di alimenti sani, nutrienti e culturalmente appropriati; significa conservare i semi autoctoni e quindi la propria cultura e la biodiversità; significa, come dice Patricia Jojoa, parte di una delle famiglie contadine fondatrici di ADC, cercare un’equilibrio tra uomini e natura, basato su un continuo ricevere e restituire. Un equilibrio, che, mentre rigenera costantemente le nostre fonti di sostentamento, garantisce anche una convivenza pacifica tra gli uomini: le risorse non sono scarse e non dobbiamo competere per accaparrarcele, se impariamo a prendercene cura. Agroecologia significa, infine, come ricorda sempre Vicente, direttore di ADC, organizzarsi, allearsi, diventare movimento, affiché questo modello produttivo si rafforzi e venga replicato, e possa quindi incidere e trovare spazio nella definizione di politiche pubbliche.

Per mettere in pratica tutto questo ADC lavora con famiglie contadine e indigene affiché il loro sistema produttivo diventi più sostenibile e autonomo, a partire da un riconoscimento e una valorizzazione di ciò che già si ha a disposizione. Lavora per promuovere l’organizzazione tra le famiglie, perché possano avere una voce all’interno delle rispettive comunità; per sensibilizzare i più piccoli all’amore per il proprio territorio, perché possano, da grandi, continuare a difenderlo; e perché le famiglie possano avere gli strumenti per comunicare quello che fanno, come mezzo di riconoscimento e rafforzamento del processo che stanno portando avanti, e come mezzo di incidenza politica. Dal canto suo, il CECIDIC è un attore fondamentale nella progressiva costruzione di un governo autonomo all’interno del territorio indigeno Nasa del Nord del Cauca.

Infatti, come centro di educazione permanente della comunità Nasa, il suo compito è quello di fornire alla popolazione tutti gli strumenti per la realizzazione e l’esercizio di tale autonomia, costituzionalmente riconosciuta, in campo educativo, socio-economico, culturale. Per quanto riguarda l’aspetto propriamente produttivo, il CECIDIC ospita una scuola di agroecologia, dove si formano studenti provenienti da diverse parti del paese. La formazione è integrale (tecniche produttive e di allevamento, studio dell’ambiente naturale, tecniche di trasformazione degli alimenti, strategie di commercializzazione, studio del contesto sociale e comunitario), e l’obiettivo è formare persone in grado di replicare e promuovere l’agroecologia nei rispettivi territori di origine. Il frutto del riconoscimento reciproco tra le due organizzazioni è la voglia di mettere insieme i processi che entrambe stanno portando avanti. Come dice Yimi, il coordinatore della scuola di agroecologia del CECIDIC, “dobbiamo tessere le nostre storie e il nostro futuro, per diventare ancora più grandi di quello che giá siamo, e fare piú spazio per i nostri sogni”. E un filo di questa trama non puó che essere quello di CISV. ADC e CECIDIC riconoscono in questo alleato comune il motore di questo incontro e la spinta a continuare a fare rete: raccontarsi per alimentarsi dell’esperienza degli altri e per avere sempre la consapevolezza che la propria lotta non é isolata, ma parte di un movimento nazionale e globale.

Da qui l’idea di creare una rete di comunicazione costante tra le tre organizzazioni, in cui gli stessi contadini e indigeni, del Sud e del Nord del mondo, potessero incontrarsi e (ri) conoscersi. Il mezzo che si è scelto è il più comune, per tutti, facebook. Nasce quindi il gruppo “Agroculturas”, “un gruppo per condividere esperienze locali diverse con la prospettiva di costruire la stessa alternativa globale: la sovranità alimentare, attraverso gli apporti scientifici, pratici e politici di tutti i partecipanti. Un gruppo per intessere amicizie piu forti dei pregiudizi e delle differenze, dal momento che contadini e indigeni, del Sud e del Nord del mondo, combattiamo tutti ogni giorno per la difesa del nostro territorio e per la costruzione di un mondo piu giusto e solidale”. A questo gruppo già partecipano e sono invitati a farlo studenti, professori, contadini, indigeni, agricoltori e simpatizzanti delle comunità di riferimento di ADC, CECIDIC e CISV. Con l’augurio che il dialogo possa essere animato, arricchente e che possa nutrire non solo la relazione tra organizzazioni, ma tra popoli del mondo.

Potrebbero interessarti

SEGUI LA GALASSIA CISV

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On YoutubeCheck Our Feed

CISV Onlus

CISV Onlus, Comunità Impegno Servizio Volontariato Onlus

Corso Chieri 121/6 - 10132 Torino; Tel. +39 011 8993823

segreteria@cisvto.org

PROGETTO DI COMUNICAZIONE: by Eta Beta S.C.S.